français
@@Biblioteche dei Filosofi : Biblioteche filosofiche private in età moderna e contemporanea@@
Accueil » Index » Max Scheler
linea divisoria
Max Scheler




Fiche rédigée en italien et en anglais


Max Scheler

Munich 1874 - Frankfurt am Main 1928


Fu professore nelle univversità di Jena, di Monaco e, dopo un periodo lontano dall’insegnamento trascorso a Berlino (1910-19), nelle università di Colonia e di Francoforte. Dopo un saggio ispirato ancora alle prospettive del suo maestro Eucken (Die transzendentale und die psychologische Methode, 1900), Scheler si avvicinò alla fenomenologia husserliana, sviluppandola anzitutto in direzione dell’etica con una serie di scritti tra cui il più celebre e importante è Der Formalismus in der Ethik und die materiale Wertethik (1916). Il metodo fenomenologico consente infatti, secondo Scheler, d’individuare oggetti completamente inaccessibili all’intelletto e disposti tra loro in un ordine eterno e gerarchico: i valori. L’accertamento del loro ordine mediante un’intuizione «sentimentale» ‒ qualcosa di simile alle «ragioni del cuore» di cui aveva parlato Pascal ‒ porta alla scoperta di leggi altrettanto precise ed evidenti di quelle della logica e della matematica e tali da rendere possibile la fondazione dei fenomeni morali. Proprio per non aver riconosciuto i valori come contenuto a priori originario del sentire umano, Kant, secondo Scheler, ha travisato la morale in senso «formalistico» e ha ridotto il volere a semplice applicazione della logica, sacrificando così la persona umana e la sua effettiva autonomia a una legge formale impersonale. I valori devono poi essere accuratamente distinti nei loro diversi piani (o modalità), che vanno da quello dei valori connessi alla sensibilità (come il gradevole e lo sgradevole), a quelli vitali (come il benessere, il malessere, la salute, ecc.), a quelli spirituali (il bello, il giusto, il vero, i valori culturali in generale) e infine a quelli religiosi (il sacro). All’approfondimento di quest’ultimo tipo di valori tende la filosofia della religione sviluppata soprattutto in Vom Ewigen im Menschen (1921), dove Scheler si avvicinò al cattolicesimo mettendo al centro della sua filosofia la concezione dell’amore come rapporto essenziale della persona umana con il Dio-persona. Su questa centralità della persona e dell’amore è pure fondata la sociologia di S., trattata soprattutto nell’opera Die Wissensformen und die Gesellschaft (1926) e rivolta a una critica serrata della civiltà moderna, accusata di aver rovesciato in modo utilitaristico e pragmatistico quei valori di corresponsabilità e solidarietà sui quali soltanto si può sviluppare una «comunità personale» autentica. Negli ultimi anni della sua vita Scheler lavorò alla costruzione di un’antropologia filosofica, di cui pubblicò i primi risultati nel volume Die Stellung des Menschen im Kosmos (1928), e che rimase interrotta per la sua morte. In quest’ultima fase del suo pensiero Scheler si allontanò dalla concezione cristiana di Dio come pura trascendenza, attribuendo anche alla divinità quella dualità e quell’opposizione tra lo spirito, come razionalità, e l’istinto, come impulso, che sono costitutive dell’uomo, e considerando la storia come sviluppo del loro conflitto in vista della piena realizzazione del divino attraverso l’uomo e nell’uomo. Tra le altre sue opere vanno ricordate: Vom Umsturz der Werte (1915); Wesen und Formen der Sympathie (1923); Schriften zur Soziologie und Weltanschauungslehre (1923-24), oltre a una numerosa serie di inediti pubblicati nei Gesammelte Werke (1954 segg.).
Dizionario di filosofia (2009)

Opere principali: Gesammelte Werke, 16 Bände, Bouvier, 1954–1998; Schriften zur Anthropologie, Reclam, Ditzingen 1994; Die Stellung des Menschen im Kosmos, 16. Auflage, Bouvier, 2007.

Bibliografia: Ph. Blosser, Scheler’s Critique of Kant’s Ethics, Athens, Ohio University Press 1995; M. Frings, The Mind of Max Scheler, Milwaukee, Marquette University Press 1997; E. Kelly, Structure and Diversity: Studies in the Phenomenological Philosophy of Max Scheler, Dordrecht, Kluwer 1997; P.H. Spader, Scheler’s Ethical Personalism: Its Logic, Development, and Promise, New York, Fordham University Press 2002.



Bayerische Staatsbibliothek, Nachlass Max Scheler

Per accedere al catalogo della biblioteca privata di Max Scheler seguire la procedura:

  • dall'OPAC della "Bayerische Staatsbibliothek"
  • nel campo “Freie Suche” digitare “bsb-provenienz nachlass scheler”.

Il risultato ottenuto si può ordinare per autore, titolo, anno. Annotazioni autografe di Scheler sono segnalate nel campo "Exemplare".


icona sfoglia Link esterno




dernière mise à jour: 2014-01-07 11:39:43